Accordo G Suite for Education

Il presente Accordo relativo a G Suite for Education (l’”Accordo”) è stipulato tra Google Ireland Limited, una società costituita in conformità alle leggi irlandesi, con sede presso Gordon House, Barrow Street, Dublino 4, Irlanda e il cliente identificato nel Modulo d’ordine (il “Cliente”). Il presente Accordo è efficace a decorrere dalla data in cui il Cliente clicca sul sottostante pulsante “Accetto” o, se applicabile, dalla data in cui l’Accordo è controfirmato (la “Data di Efficacia”). Se Lei accetta per conto del Cliente, Lei dichiara e garantisce che: (i) Lei possiede la piena autorità legale per vincolare il suo datore di lavoro, o il relativo ente, ai presenti termini e condizioni; (ii) ha letto e compreso il presente Accordo; e (iii) accetta, per conto della parte che rappresenta, il presente Accordo. Se Lei non possiede l’autorità legale per vincolare il Cliente, non deve cliccare sul sottostante pulsante “Accetto” (o, se applicabile, non deve firmare il presente Accordo). Il presente Accordo disciplina l’accesso a e l’utilizzo da parte del Cliente dei Servizi e sarà efficace a decorrere dalla Data di efficacia

  • 1. Servizi.
    • 1.1 Generale. Google fornirà i Servizi in conformità al presente Accordo e allo SLA. Google fornirà al Cliente un Account amministratore da utilizzare per gestire gli Account degli utenti finali e altre caratteristiche dei Servizi. Il Cliente dovrà: (a) amministrare gli Account degli utenti finali utilizzando la Console di amministratore e gli Strumenti di amministratore; e (b) determinare i Servizi da erogare agli Utenti finali.
    • 1.2 Modifiche.
      • a. Ai Servizi. Google può apportare modifiche commercialmente ragionevoli ai Termini URL di volta in volta. Se Google apporta una modifica sostanziale ai Termini URL, Google dovrà informare il Cliente inviando un’email all’Indirizzo email per le notifiche o attraverso la Console di amministratore. Se la modifica ha un effetto essenziale negativo sul Cliente e quest’ultimo non intende accettarla, il Cliente dovrà inviare una notifica a Google tramite il Centro assistenza entro trenta giorni dalla ricezione della comunicazione relativa alla modifica. Se il Cliente invia la notifica a Google secondo le modalità previste, questi rimarrà soggetto ai termini vigenti immediatamente prima della modifica fino alla scadenza del Periodo di validità dei Servizi allora in essere. Se i Servizi vengono rinnovati, essi saranno rinnovati sulla base dei Termini URL di Google in vigore al momento del rinnovo.
      • b. Ai Termini URL. Google può apportare modifiche commercialmente ragionevoli ai Termini URL di volta in volta. Se Google apporta una modifica sostanziale ai Termini URL, Google dovrà informare il Cliente inviando un’email all’Indirizzo email per le notifiche o attraverso la Console di amministratore. Se la modifica ha un effetto essenziale negativo sul Cliente e quest’ultimo non intende accettarla, il Cliente dovrà inviare una notifica a Google tramite il Centro assistenza entro trenta giorni dalla ricezione della comunicazione relativa alla modifica. Se il Cliente invia la notifica a Google secondo le modalità previste, questi rimarrà soggetto ai termini vigenti immediatamente prima della modifica fino alla scadenza del Periodo di validità dei Servizi allora in essere. Se i Servizi vengono rinnovati, essi saranno rinnovati sulla base dei Termini URL di Google in vigore al momento del rinnovo.
      • c. Interruzione dei Servizi.. Salva la Sezione 1.2(d), Google può interrompere qualsiasi Servizio o qualsiasi parte o funzionalità dei Servizi per qualsiasi motivo e in qualsiasi momento senza alcuna responsabilità nei confronti del Cliente.
      • d. Policy sulla Discontinuazione. Google informerà il Cliente qualora intenda effettuare una Significativa Discontinuazione. Google compirà ogni sforzo commercialmente ragionevole per continuare a fornire i Servizi senza Significative Discontinuazioni per almeno un anno dopo tale notifica, salvo qualora (come Google stabilisca a proprio ragionevole giudizio in buona fede): (i) ciò non sia altrimenti richiesto per legge o per contratto (inclusi i casi di modifiche della legge applicabile o del contratto), o (ii) ciò potrebbe creare un rischio per la sicurezza o un rilevante onere economico o tecnico. La politica è la "Policy sulla Discontinuazione".
    • 1.3 Alias. È responsabilità esclusiva del Cliente monitorare, rispondere a e altrimenti elaborare i messaggi email inviati agli alias “abuse” e “postmaster” per i Nomi di dominio del Cliente. Il Cliente conviene che Google ha la facoltà di monitorare i messaggi email inviati a tali alias per i Nomi di dominio del Cliente per consentire a Google di identificare usi impropri dei Servizi.
    • 1.4 Annunci. In deroga a qualsiasi altro termine dell’Accordo, Google non elaborerà i Dati del Cliente per scopi pubblicitari o per inserire Annunci pubblicitari nei Servizi.
    • 1.5 Account degli utenti finali. Nel corso del Periodo di validità il Cliente può richiedere Account degli utenti finali aggiuntivi sia online tramite la Console di amministratore oppure contattando il suo account manager Google designato o il personale di assistenza di Google o il Rivenditore (se applicabile). Per ogni ordine di Account degli utenti finali aggiuntivi durante il Periodo di validità, Google o il Rivenditore (come applicabile) e il Cliente stipuleranno un Modulo d’ordine aggiuntivo che rifletta l’ordine.
    • 1.6 Google Vault. Se il Cliente utilizza Google Vault, Google conserverà i Dati del Cliente archiviati applicabili per il periodo selezionato nei Servizi dall’Amministratore, ma solamente se il Cliente rinnova Google Vault per l’intero periodo di conservazione. In caso di scadenza o risoluzione dei Servizi Google Vault in conformità con i termini dell’Accordo, l’obbligo di Google di conservare i Dati archiviati del Cliente cesserà immediatamente.
  • 2. Trattamento dei dati; Sicurezza.
    • 2.1 Emendamento sul trattamento dei dati. L’Emendamento sul trattamento dei dati stabilisce i diritti e gli obblighi delle parti in relazione al trattamento e alla sicurezza dei Dati del Cliente nell’ambito del presente Accordo e le parti si conformeranno all’Emendamento sul trattamento dei dati. Il Cliente può, inoltre, essere tenuto a cliccare per accettare l’Emendamento sul trattamento dei dati tramite i Servizi esclusivamente per motivi tecnici o operativi, ma tale accettazione non pregiudicherà i diritti e gli obblighi delle parti come descritti nella presente Sezione 2 o nell’Emendamento sul trattamento dei dati.
    • 2.2 Aggiornamenti all’Emendamento sul trattamento dei dati Fatte salve le Sezioni 1.2(a) e 1.2(b), Google può aggiornare o modificare l’Emendamento sul trattamento dei dati unicamente nei seguenti casi:
      • (a) qualora la modifica pertinente sia richiesta per conformità con la legge applicabile, un regolamento applicabile, un ordine del tribunale o una direttiva emessa da un organismo di vigilanza o un’agenzia governativi;
      • qualora la modifica pertinente sia espressamente consentita dai termini dell’Emendamento sul trattamento dei dati; o
      • (c) qualora la modifica pertinente:
        • (i) sia commercialmente ragionevole;
        • (ii) non determini una diminuzione della sicurezza complessiva dei Servizi;
        • (iii) non ampli l’ambito di applicazione di né rimuova alcuna restrizione in materia di trattamento di Dati del Cliente da parte di Google, come descritto nella Sezione 5 (Trattamento dei Dati dei Clienti) dell’Emendamento sul trattamento dei dati; e
        • (iv) non abbia altrimenti un sostanziale effetto negativo sui diritti del Cliente ai sensi dell’Emendamento sul trattamento dei dati.
    • Se Google apporta una modifica sostanziale all’Emendamento sul trattamento dei dati in conformità alla presente Sezione 2.2, Google informerà i Clienti attraverso l’Indirizzo email per le notifiche o la Console di amministratore.
  • 3. Obbligazioni del Cliente.
    • 3.1 Conformità. Il Cliente dovrà garantire che il Cliente e gli Utenti finali utilizzino i Servizi in conformità alla Policy sull’uso accettabile. Google può rendere disponibili di volta in volta nuove applicazioni, caratteristiche o funzionalità tramite i Servizi e l’uso delle stesse può essere subordinato all’accettazione da parte del Cliente di termini aggiuntivi. Inoltre, Google metterà a disposizione del Cliente e degli Utenti finali altre Applicazioni non di Google (oltre ai Servizi) in conformità ai Termini per le Applicazioni non di Google e ai termini di servizio applicabili per il prodotto specifico di Google. Se il Cliente non desidera attivare alcuna delle Applicazioni non di Google, il Cliente può scegliere di attivare o disattivare (a seconda dei casi) le App non di Google (o una di esse) in qualsiasi momento tramite la Console di amministratore. Il Cliente conviene che il suo utilizzo delle API è soggetto alle Condizioni di utilizzo delle API.
    • 3.2 Amministrazione del Cliente dei Servizi. Il Cliente può specificare tramite la Console di amministratore uno o più Amministratori che disporranno dei diritti di accedere agli Account amministrativi e gestire gli Account degli utenti finali. Il Cliente è responsabile di: (a) mantenere la riservatezza della password e degli Account amministrativi; (b) designare le persone autorizzate ad accedere agli Account amministrativi e (c) assicurare che tutte le attività che si svolgono in relazione agli Account amministrativi siano conformi con il presente Accordo. Il Cliente riconosce e accetta che Google non è responsabile per la gestione o amministrazione interne del sistema di messaggistica elettronica o dei messaggi del Cliente.
    • 3.3 Rivenditore come Amministratore. Se il Cliente ordina i Servizi tramite il Rivenditore, il Rivenditore può avere accesso come Amministratore all’Account del Cliente e agli Account degli utenti finali del Cliente. Il Cliente, e non Google, è esclusivamente responsabile per: (i) qualsiasi accesso del Rivenditore all’Account del Cliente o agli Account degli utenti finali del Cliente; e (ii) definire nell’Accordo con il Rivenditore tutti i diritti o obblighi del Rivenditore e del Cliente in relazione a tale accesso e ai Servizi.
    • 3.4 Consenso dell’Utente Finale. Gli Amministratori del Cliente hanno la possibilità di accedere, monitorare, utilizzare o divulgare i dati disponibili agli Utenti finali all’interno degli Account degli utenti finali attraverso la Console di amministratore e/o gli Strumenti di amministratore. Il Cliente dovrà ottenere e conservare tutte le necessarie autorizzazioni da parte degli Utenti finali per consentire: (a) tale accesso, monitoraggio, utilizzo o divulgazione da parte del Cliente; e (b) a Google di fornire i Servizi in conformità al presente Accordo. Il Cliente informerà gli Utenti finali che i loro dati personali sono trattati in conformità al presente Accordo e all’Informativa sulla privacy di Google. Il Cliente riconosce e accetta che il Rivenditore può divulgare dati personali dell’Utente finale a Google come ragionevolmente richiesto al fine di consentire al Rivenditore di gestire qualsiasi problema di assistenza che il Cliente scelga di inoltrare a o tramite il Rivenditore.
    • 3.5 Uso non autorizzato. Il Cliente compirà ogni ragionevole sforzo per impedire l’uso non autorizzato dei Servizi e per interrompere qualsiasi tale utilizzo. Il Cliente dovrà notificare tempestivamente a Google qualsiasi utilizzo o accesso non autorizzato ai Servizi di cui venga a conoscenza.
    • 3.6 Restrizioni all’uso. Salvo che nella misura espressamente consentita nel presente Accordo o altrimenti convenuta da Google per iscritto, il Cliente dovrà astenersi dal, e dovrà compiere ogni sforzo commercialmente ragionevole per assicurarsi che una terza parte non proceda a: (a) vendere, rivendere, noleggiare, o simili, i Servizi a terze parti; (b) tentare di decodificare i Servizi o qualsiasi componente dei Servizi salvo laddove consentito dalla legge; (c) tentare di creare un servizio sostitutivo o simile tramite l’utilizzo dei Servizi o l’accesso agli stessi; (d) utilizzare i Servizi per Attività ad alto rischio; oppure (e) utilizzare i Servizi per memorizzare qualsiasi Dato del Cliente che è soggetto a controllo in materia di esportazione ai sensi della Regolamentazione sul traffico internazionale (International Traffic in Arms Regulations, ITAR).
    • 3.7 Richieste di terzi. Il Cliente è responsabile di rispondere alle Richieste di terze parti. Nella misura consentita dalla legge e dai termini della Richiesta di una terza parte, Google dovrà: (a) notificare tempestivamente al Cliente la ricezione di una Richiesta di una terza parte; (b) fornire al Cliente le informazioni o gli strumenti necessari per consentire al Cliente di rispondere alla Richiesta di una terza parte. Il Cliente dovrà tentare dapprima di reperire autonomamente le informazioni richieste per rispondere alla Richiesta della terza parte e dovrà contattare Google solamente qualora non sia ragionevolmente in grado di ottenere tali informazioni da solo.
    • 3.8 Usi consentiti. L’utilizzo dei Servizi è consentito solo a (a) istituti scolastici non profit e (b) altri enti no-profit (come definiti ai sensi delle leggi applicabili).
  • 4. Pagamenti.
    • 4.1 Ordini tramite Rivenditori. Se il Cliente ordina i Servizi tramite un Rivenditore: (a) tutti i pagamenti dovranno essere effettuati direttamente al Rivenditore in conformità all’Accordo con il Rivenditore; (b) le rimanenti disposizioni della presente Sezione 4 (Pagamenti) non si applicheranno; (c) Google fornirà al Rivenditore qualsiasi rimborso o credito che sia eventualmente dovuto in relazione ai Clienti; e (d) qualsiasi obbligo da parte del Rivenditore di fornire tali rimborsi o crediti al Cliente dipenderà dalle condizioni dell’Accordo con il Rivenditore.
    • 4.2 Ordini diretti. Salvo diversamente specificato in un Modulo d’ordine o in una fattura applicabile, il Cliente pagherà a Google la tariffa per i Servizi specificata nel Modulo d’ordine applicabile (“Tariffe”). Tutte le tariffe sono dovute entro 30 giorni dalla data della fattura. Tutti i pagamenti sono dovuti nella valuta specificata nella fattura. I pagamenti effettuati tramite bonifico bancario devono includere le istruzioni per il bonifico specificate nella fattura.
    • 4.3 Pagamenti tardivi. Google può addebitare interessi di mora al tasso base di Barclays Bank PLC maggiorato del 2% annuo, dalla data di scadenza fino alla data del pagamento effettivo, sia prima sia dopo una sentenza, su qualsiasi Tariffa esigibile per i Servizi. Il Cliente sarà responsabile per tutte le spese (comprese le spese legali) ragionevolmente sostenute da Google per la riscossione di importi insoluti, tranne che nei casi in cui tali importi insoluti siano dovuti a inesattezze di fatturazione attribuibili a Google.
    • 4.4 Controversie relative alle fatture. Eventuali controversie connesse alla fatturazione devono essere iniziate prima della data di scadenza delle fatture. Se le parti determinano che alcune inesattezze nella fatturazione sono attribuibili a Google, quest’ultima non emetterà una nuova fattura corretta bensì una nota di accredito specificando l’importo non corretto della fattura in questione. Se la fattura contestata non è stata ancora pagata, Google applicherà l’importo della nota di accredito alla fattura contestata e il Cliente sarà responsabile del pagamento del saldo netto risultante per tale fattura.
    • 4.5 Ordini d’acquisto. Le parti convengono che nessuno dei termini e delle condizioni di qualsiasi ordine di acquisto emesso dal Cliente si applicherà a o modificherà il presente Accordo e che qualsiasi termine o condizione in tali ordini di acquisto sarà nullo e privo di effetto.
    • 4.6 Imposte. Il Cliente è responsabile delle eventuali Imposte e pagherà Google per i Servizi forniti senza alcuna riduzione a titolo d’imposta. Qualora Google sia tenuta a riscuotere o versare qualsiasi Imposta, il relativo importo sarà fatturato al Cliente, salvo laddove quest’ultimo non fornisca a Google un certificato valido di esenzione fiscale attribuito dall’autorità fiscale competente.
  • 5. Servizi di assistenza tecnica.
    • 5.1 Da parte del Cliente. Il Cliente dovrà rispondere, a proprie spese, alle domande e ai reclami degli Utenti finali o di terze parti in relazione all’utilizzo dei Servizi da parte del Cliente o degli Utenti finali. Il Cliente dovrà compiere ogni sforzo commercialmente ragionevole per risolvere i problemi tecnici prima di rivolgersi a Google in conformità alla Sezione 5.2.
    • 5.2 Da parte di Google. Se il Cliente non è in grado di risolvere un problema tecnico in conformità alla Sezione 5.1 di cui sopra, potrà inoltrare il problema a Google in conformità alle Linee guida per i servizi di assistenza tecnica. Google fornirà servizi di assistenza tecnica al Cliente in conformità alle Linee guida per i servizi di assistenza tecnica.
  • 6. Sospensione.
    • 6.1 Degli Account degli Utenti finali da parte di Google Se Google viene aa conoscenza dell’utilizzo di un Account di un Utente finale in maniera non conforme al presente Accordo, Google può specificamente richiedere al Cliente interessato di sospendere l’Account del relativo Utente finale. Se il Cliente non soddisfa la richiesta di Google di sospendere un Account di un utente finale, Google si riserva il diritto di farlo. La Sospensione resterà in vigore fino a quando l’Utente finale interessato non abbia posto rimedio alla violazione che ha causato la Sospensione.
    • 6.2 Emergenza Sicurezza. Fermo restando quanto sopra indicato, in presenza di un problema di Emergenza Sicurezza, Google può sospendere gli Account degli Utenti finali interessati. La portata e la durata della sospensione saranno quelle minime necessarie per evitare o risolvere l’Emergenza Sicurezza. Se Google sospende qualsivoglia Account di un utente finale senza prima informare il Cliente, su richiesta di quest’ultimo, Google dovrà fornire una stima della durata probabile della Sospensione e dovrà indicare il motivo della Sospensione non appena ragionevolmente possibile.
    • 6.3 Sospensione per mancato pagamento e pagamento arretrato.. A partire dalla data in cui il Cliente diventa insolvente in relazione a Tariffe dovute, l’Account del Cliente può essere sospeso fino a quando tutte le Tariffe insolute non siano state pagate.
    • 6.4 Sospensione per conformità con le Leggi. Google si riserva, a propria esclusiva discrezione, di sospendere la fornitura di qualsiasi Servizio in qualsiasi momento, qualora ciò sia necessario per adeguarsi ad eventuali normative divenute applicabili.
  • 7. Informazioni riservate.
    • 7.1 Protezione delle Informazioni riservate. Il destinatario (“Destinatario”) di Informazioni riservate divulgate dall’altra parte (il “Fornitore”) non divulgherà tali informazioni ad eccezione di quanto descritto nella Sezione 7.2 (Divulgazione di Informazioni riservate). Il Destinatario farà uso delle Informazioni Riservate del Fornitore solo per esercitare i diritti ed adempiere alle obbligazioni contemplati dal presente Accordo assicurando al contempo un ragionevole grado di attenzione per mantenere tali informazioni confidenziali.
    • 7.2 Divulgazione di Informazioni riservate.
      • (a) Generale. Fatta salva la parte restante della presente Sezione 7.2, le Informazioni riservate del Fornitore possono essere divulgate: (i) dal Destinatario alle sue Collegate, al Rivenditore (ove applicabile), ai suoi dipendenti, agenti, subappaltatori o consulenti professionali che necessitano di conoscerle e che hanno un obbligo legale di mantenerle confidenziali (collettivamente, “Delegati”); (ii) dal Destinatario alle sue Collegate in base a un Procedimento Legale; o (iii) con il consenso scritto del Fornitore. Il Destinatario dovrà garantire che i suoi Delegati siano soggetti agli stessi obblighi di riservatezza e di utilizzo di quelli che si applicano al Destinatario ai sensi della Sezione 7.1 (Protezione delle Informazioni riservate).
      • (b) Notifica. Prima che le Informazioni riservate del Fornitore siano divulgate ai sensi di un Procedimento legale come descritto nella Sezione 7.2 (a), il Destinatario dovrà compiere, o dovrà garantire che la sua Collegata compia, sforzi commercialmente ragionevoli per informarne tempestivamente il Fornitore (per mezzo dell’indirizzo email per le notifiche, nel caso di avvisi dati da parte di Google), fermo restando tuttavia che il Destinatario o la sua Collegata possono divulgare Informazioni riservate del Fornitore in conformità a un Procedimento legale senza fornire un preavviso se il Destinatario o la sua Collegata sono informati che (i) è legalmente vietato fornire un avviso o (ii) il Procedimento legale si riferisce a circostanze eccezionali che comportano pericolo di morte o di gravi lesioni fisiche per una persona.
    • 7.3 Opposizione. Il Destinatario dovrà collaborare con le ragionevoli richieste del Fornitore relative agli sforzi di opporsi alla divulgazione delle sue Informazioni riservate.
  • 8. Diritti di proprietà intellettuale; Segni Distintivi.
    • 8.1 Diritti di proprietà intellettuale. Fatta eccezione per quanto diversamente stabilito espressamente nel presente Accordo, nessuna delle parti acquisirà alcun diritto, titolo o interesse sui Diritti di proprietà intellettuale appartenenti alla controparte o ai concessori di licenza della controparte. Per quanto attiene ai rapporti tra le parti, il Cliente detiene tutti i Diritti di proprietà intellettuale in relazione ai Dati del Cliente e Google detiene tutti i Diritti di proprietà intellettuale in relazione ai Servizi.
    • 8.2 Esposizione di Segni Distintivi. Google può mostrare unicamente i Segni Distintivi del Cliente autorizzati dal Cliente (tale autorizzazione si considera fornita dal Cliente quando questi carica i suoi Segni Distintivi nei Servizi) e solo all’interno delle aree designate delle Pagine dei Servizi. Il Cliente può specificare la natura di tale utilizzo tramite la Console di amministratore. Google può inoltre mostrare i Segni Distintivi Google sulle Pagine dei Servizi per indicare che Google fornisce i Servizi. Nessuna delle parti può mostrare o utilizzare i Segni Distintivi dell’altra parte ad eccezione di quanto espressamente consentito nel presente Accordo senza il previo consenso scritto dell’altra parte.
    • 8.3 Limitazione all’utilizzo dei Segni Distintivi. Qualsiasi valore aggiunto dovesse derivare dall’uso dei Segni Distintivi di Google da parte del Cliente dovrà essere attribuito a Google. Ciascuna parte può revocare il diritto dell’altra parte di utilizzare i propri Segni Distintivi ai sensi del presente Accordo con notifica scritta in qualsiasi momento tramite ragionevole preavviso scritto.
  • 9. Garanzie.
    • 9.1 Garanzie. Ciascuna parte garantisce all’altra che adotterà ogni ragionevole cura e diligenza nell’adempiere ai suoi obblighi derivanti dal presente Accordo.
    • 9.2 Esclusioni di responsabilità.. Google esclude qualsiasi condizione, garanzia o altro termine relativamente a qualsiasi Servizio o ad altri beni o servizi o qualsiasi informazione forniti da Google ai sensi del presente Accordo, salvo qualora tali condizioni, garanzie o termini non siano espressamente indicati nel presente Accordo. A scanso di equivoci e fatta salva la Sezione 13.1(b), tutte le condizioni, garanzie o gli altri termini impliciti (compreso qualsiasi termine implicito per quanto concerne la qualità soddisfacente, l’idoneità per uno scopo o la conformità con la descrizione) sono esclusi. Il Cliente prende atto che i Servizi non sono un sostituto di servizi di telefonia e non consentono di effettuare o ricevere chiamate, incluse chiamate ai servizi di emergenza, mediante l’utilizzo di reti telefoniche pubbliche commutate.
  • 10. Periodo di validità; Nessuna Tariffa.
    • 10.1 Periodo di validità.. Il presente Accordo avrà inizio a partire dalla Data di Efficacia e rimarrà in vigore fino alla scadenza dell’ultimo Termine di durata dei Servizi, fatta salva la risoluzione anticipata in conformità ai suoi termini (“Termine di durata”).
    • 10.2 Periodo di validità dei Servizi e Acquisti durante il Periodo di validità dei Servizi. Google fornirà i Servizi al Cliente nel corso del Periodo di validità dei Servizi. Salvo qualora le parti non convengano diversamente per iscritto, gli Account degli utenti finali aggiunti durante qualsiasi Periodo di validità dei Servizi avranno una durata proporzionale che terminerà l’ultimo giorno di tale Periodo di validità dei Servizi.
    • 10.3 Rinnovo automatico. Alla scadenza del Periodo di validità dei Servizi, i Servizi (e tutti gli Account degli Utenti finali acquistati in precedenza) si rinnoveranno automaticamente per un’ulteriore periodo di dodici mesi. Se una delle parti non desidera il rinnovo dei Servizi, dovrà informarne l’altra parte per iscritto almeno quindici giorni prima della scadenza del Periodo di validità dei Servizi allora in vigore. La notifica del mancato rinnovo avrà effetto alla scadenza del Periodo di validità dei Servizi allora in vigore.
    • 10.4 Costi. Nel corso del Periodo di validità iniziale dei Servizi, Google non addebiterà al Cliente le Tariffe per i Servizi (fatta eccezione per l’archiviazione a pagamento, se applicabile). In base all’accordo scritto stipulato tra le parti, (a) Google può addebitare al Cliente le Tariffe per i Servizi alla scadenza della Durata iniziale dei Servizi e (b) Google può addebitare al Cliente le Tariffe per la versione Premium dei Servizi o per funzionalità o miglioramenti opzionali aggiunti ai Servizi da Google (ad esempio, l’archiviazione a pagamento, se applicabile).
    • 10.5 Adeguamento delle Tariffe.. Per i Servizi che il Cliente ha acquistato a una Tariffa, Google può modificare i relativi prezzi per il seguente Periodo di validità dei Servizi inviando al Cliente una notifica scritta (incluso via email) almeno trenta giorni prima dell’inizio del Periodo di validità dei Servizi successivo.
  • 11. Risoluzione/Recesso.
    • 11.1 Risoluzione per inadempimento. Ciascuna parte può sospendere l’adempimento e/o risolvere il presente Accordo (ivi inclusi tutti i Moduli d’ordine sottoscritti in base allo stesso), con effetto immediato, se l’altra parte: (a) viola in maniera sostanziale il presente Accordo e tale violazione non è sanabile; (b) viola in maniera sostanziale il presente Accordo due o più due volte a prescindere da qualsiasi rimedio a tale violazione; o (c) viola in maniera sostanziale il presente Accordo e, nonostante la violazione sia sanabile, non pone rimedio alla stessa entro trenta giorni dal ricevimento dell’avviso scritto di tale violazione.
    • 11.2 Recesso per insolvenza. Salvo ove proibito dalla legge applicabile, ciascuna parte può recedere dal presente Accordo con effetto immediato mediante avviso scritto se l’altra parte: non può pagare i propri debiti alla scadenza; sottoscrive un accordo o concordato a beneficio dei suoi creditori; è sottoposta ad amministrazione controllata o liquidazione; viene dichiarata fallita o insolvente; oppure (v) viene sciolta o cessa altrimenti le proprie operazioni. Laddove Google abbia il diritto di recedere dal presente Accordo ai sensi della presente sezione, Google può inoltre sospendere o interrompere tutti o parte dei Servizi per tutto il tempo in cui si applica tale diritto di recesso.
    • 11.3 Cambio di Controllo. Ciascuna parte può recedere dal presente Accordo immediatamente mediante avviso scritto se si verifica un Cambio di Controllo dell’altra parte, all’infuori dei casi di una ristrutturazione o riorganizzazione interne delle Società del suo Gruppo. In questa clausola, il termine “Controllo” indica il possesso da parte di qualsiasi persona, direttamente o indirettamente, del potere di dirigere o determinare la direzione di un’altra persona e l’espressione “Cambio di controllo” deve interpretarsi di conseguenza. La parte che effettua tale Cambio di Controllo dovrà darne avviso alla controparte per iscritto entro 30 giorni dopo il Cambio di controllo. Se la parte che recede non ha esercitato il proprio diritto di recesso ai sensi della presente clausola entro 30 giorni dal ricevimento della notifica del Cambio di controllo della controparte, tale diritto di recesso si estinguerà.
    • 11.4 Risoluzione relativa alle Leggi anticorruzione. Google può risolvere il presente Accordo con effetto immediato dandone avviso scritto al Cliente se ritiene, in buona fede, che il Cliente abbia violato o abbia fatto sì che Google violasse qualsiasi Legge anticorruzione o se ritiene che sia ragionevolmente probabile che si verifichi tale violazione.
    • 11.5 Recesso per altri motivi. Il Cliente può recedere dal presente Accordo per qualsiasi motivo (o senza alcun motivo) dandone preavviso scritto di trenta giorni a Google, fermo restando, tuttavia, che il Cliente rimarrà obbligato a pagare qualsiasi Tariffa per i Servizi che abbia acquistato per il periodo rimanente del Periodo di validità dei Servizi in vigore in quel momento.
    • 11.6 Effetti della risoluzione/recesso. In caso di scadenza, recesso o risoluzione del presente Accordo: (a) i diritti concessi da una parte all’altra cesseranno dalla data di efficacia della risoluzione/recesso o alla scadenza (ad eccezione di quanto indicato nella presente Sezione 11 e nella Sezione 15.15 (Sopravvivenza)); (b) il Cliente non avrà accesso a, o non avrà la possibilità di esportare, Dati del Cliente dopo la data di efficacia della risoluzione/recesso o alla scadenza dell’Accordo e sarà responsabile di utilizzare la funzionalità dei Servizi per eliminare tutti i Dati del Cliente dai Servizi entro tale data; (c) a seguito di tale cancellazione dei Dati del Cliente da parte del Cliente, Google eliminerà i Dati del Cliente come descritto nell’Emendamento sul trattamento dei dati; e (d) su richiesta, ciascuna dovrà compiere ragionevoli sforzi per restituire o distruggere tutte le Informazioni riservate (ad esclusione dei Dati del Cliente) dell’altra parte.
  • 12. Indennizzo.
    • 12.1 Se il Cliente riceve una pretesa di terzi relativamente al fatto che la tecnologia di Google o di qualsiasi Società del Gruppo Google utilizzata per fornire i Servizi o qualsiasi Segno Distintivo di Google viola qualsiasi diritto d’autore, segreto commerciale o marchio commerciale di tale terza parte (una “Pretesa IP”), il Cliente dovrà: (a) informare tempestivamente Google; (b) fornire a Google ragionevoli informazioni, assistenza e cooperazione nel rispondere a e, se applicabile, difendere tale Pretesa IP; e (c) conferire a Google il controllo totale e l’autorità esclusiva sulla difesa e la transazione di tale Pretesa IP.
    • 12.2 A condizione che il Cliente si conformi alla Sezione 12.1 e fatta salva la Sezione 12.3, Google accetterà il controllo totale e l’autorità esclusiva sulla difesa e sulla definizione di tale Pretesa IP e indennizzerà il Cliente per tutti i danni e i costi addossati per tale Pretesa IP, tutte le spese di transazione approvate per iscritto da Google in relazione a tale Pretesa IP, tutte le ragionevoli spese legali sostenute dal Cliente in relazione a tale Pretesa IP e tutti i ragionevoli costi necessariamente sostenuti dal Cliente per conformarsi alla Sezione 12.1(b).
    • 12.3 Google non avrà alcun obbligo o responsabilità ai sensi della presente Sezione 12 in relazione ad alcuna Pretesa IPderivante da: (a) l’utilizzo dei Servizi o dei Segni Distintivi di Google in violazione del presente Accordo, in forma modificata o in combinazione con Prodotti di terzi; e/o (b) qualsiasi contenuto, informazione o dato forniti a Google dal Cliente, da Utenti finali o da altre terze parti.
    • 12.4 Google può (a propria esclusiva discrezione) sospendere l’utilizzo del Cliente di qualsiasi Servizio che Google ritenga o reputi essere in violazione di qualsiasi Diritto di proprietà intellettuale di terzi o può altrimenti modificare tali Servizi affinché non siano più lesivi di diritti altrui. Se l’opzione precedente non è commercialmente ragionevole, Google potrà sospendere o interrompere l’uso da parte del Cliente dei Servizi interessati. Se qualsiasi sospensione ai sensi della presente clausola prosegue per più di 30 giorni, il Cliente potrà, in qualsiasi momento, fino a quando l’utilizzo dei Servizi applicabili non sia ripristinato, recedere dalpresente Accordo con effetto immediato mediante avviso scritto. Se i Servizi vengono cessati in conformità alla presente Sezione 12.4, Google garantirà un rimborso proporzionale delle tariffe applicabili per il periodo successivo alla risoluzione dei Servizi al Rivenditore (se il Cliente ha ordinato i Servizi dal Rivenditore) o al Cliente (se il Cliente ha ordinato i Servizi direttamente da Google).
    • 12.5 Se Google riceve una rivendicazione da una terza parte che i Dati del Cliente, i Nomi di dominio del Cliente e/o i Segni Distintivi del Cliente violano Diritti di proprietà intellettuale di tale terza parte (una “Rivendicazione in materia di proprietà intellettuale del Cliente”), Google dovrà: (a) darne avviso tempestivamente al Cliente; (b) fornire al Cliente ragionevoli informazioni, assistenza e cooperazione nel rispondere a e, se del caso, difendere tale Pretesa IP relativa al Cliente; e (c) concedere al Cliente il controllo totale e l’autorità esclusiva sulla difesa e sulla transazione di tale Pretesa IP relativa al Cliente. Google può nominare il proprio consulente legale a sua scelta e a proprie spese.
    • 12.6 A condizione che Google si conformi alla Sezione 12.5, il Cliente accetterà il controllo totale e l’autorità esclusiva sulla difesa e sulla definizione di tale Pretesa IP relativa al Cliente e dovrà indennizzare Google contro tutti i danni e i costi assegnati per tale Pretesa IP, tutte le spese di definizione approvate per iscritto dal Cliente in relazione a tale Pretesa IPI, tutte le ragionevoli spese legali necessariamente sostenute da Google in relazione a tale Pretesa IP e tutti i ragionevoli costi necessariamente sostenuti dal Google per conformarsi alla Sezione 12.5(b).
  • 13. Limitazione di responsabilità.
    • 13.1 Nulla di quanto previsto nel presente Accordo escluderà o limiterà la responsabilità di ciascuna parte per: (a) morte o lesioni personali derivanti dalla negligenza di una delle parti o dei loro funzionari, agenti o dipendenti; (b) frode o dichiarazioni fraudolente; (c) violazione di qualsiasi condizione implicita per quanto riguarda la titolarità o il pacifico godimento; o (d) l’abuso di informazioni riservate.
    • 13.2 Salvo qualora il presente Accordo stabilisca espressamente altrimenti, nulla di quanto quivi previsto escluderà o limiterà la responsabilità di alcuna parte ai sensi della Sezione 12 (Indennizzi).
    • 13.3 Fatte salve le Sezioni 13.1 e 13.2, nessuna delle parti sarà responsabile ai sensi del presente Accordo (a titolo contrattuale, per fatto illecito o altrimenti) per alcuna delle seguenti perdite sofferte o incorse dalla controparte (a prescindere dal fatto che tali perdite siano state contemplate dalle parti alla data del presente Accordo):
      • (a) perdita di profitti effettivi o previsti (incluse perdite di profitti su contratti);
      • (b) perdita di risparmi anticipati;
      • (c) perdita di opportunità commerciali;
      • (d) perdita di reputazione o danni all’avviamento; e
      • (e) perdite speciali, indirette o consequenziali.
    • 13.4 Fatte salve le Sezioni 13.1, 13.2 e 13.3, la responsabilità di ciascuna parte ai sensi del presente Accordo (a titolo contrattuale, per fatto illecito o altrimenti) in relazione alla responsabilità derivante da qualsiasi dato evento o serie di eventi collegati, sarà limitata a: (a) 125% dell’importo totale delle Tariffe pagate dal Cliente ai sensi del presente Accordo nei 12 mesi immediatamente precedenti il mese in cui si è verificato l’evento (o il primo di una serie di eventi collegati) che dà luogo alla responsabilità; o (b) £50.000, a seconda di quale tra i due importi sia maggiore.
  • 14. Leggi anticorruzione.
    • 14.1 Nell’adempimento delle proprie obbligazioni ai sensi dell’Accordo, il Cliente dovrà rispettare tutte le leggi commerciali e pubbliche anti-corruzione applicabili (“Leggi anti-corruzione”), inclusi il Foreign Corrupt Practices Act degli Stati Uniti del 1977 e il Bribery Act del Regno Unito del 2010, che vietano offerte di corruzione dirette e indirette di qualsiasi valore a chiunque, ivi compresi i funzionari governativi, per ottenere o mantenere affari o per assicurarsi qualsiasi altro vantaggio commerciale improprio. Inoltre, il Cliente non effettuerà alcun pagamento agevolativo, ovvero pagamenti intesi a indurre funzionari a svolgere funzioni di routine che essi sono in ogni caso tenuti a svolgere. I “Funzionari governativi” includono qualsiasi dipendente governativo, candidato a carica pubblica, dipendente di aziende di proprietà del governo o controllate dal governo o di organizzazioni pubbliche internazionali e partiti politici.
  • 15. Disposizioni generali.
    • 15.1 Comunicazioni. Salvo laddove diversamente specificato nel presente Accordo, tutti gli avvisi di risoluzione, recesso o inadempimento devono effettuarsi in inglese, in forma scritta, indirizzati all’Ufficio legale dell’altra parte e inviati all’indirizzo postale del Cliente identificato nel presente Accordo o a legal-notices@google.com (come applicabile) o ad altro indirizzo che ciascuna parte ha notificato all’altra in conformità alla Sezione 15.1. Tutte le comunicazioni si riterranno effettuate alla data della ricezione, come verificato mediante ricevuta scritta o automatica o registro elettronico (a seconda dei casi). Tutte le altre comunicazioni devono essere effettuate in inglese, in forma scritta, indirizzate al contatto principale dell’altra parte e inviate al loro indirizzo postale o indirizzo email vigente al momento della comunicazione.
    • 15.2 Cessione. ANessuna delle parti può cedere alcuno dei propri diritti od obblighi ai sensi del presente Accordo senza il previo consenso scritto dell’altra parte, ad eccezione che ad una Società del Gruppo, ma solo se: (a) il cessionario ha accettato per iscritto di essere vincolato dai termini del presente Accordo; e (b) il cedente ha informato l’altra parte di tale assegnazione in forma scritta. Qualsiasi altro tentativo di trasferimento o cessione è nullo.
    • 15.3 Subcontraenti. Fatta salva qualsiasi limitazione nell’Emendamento sul trattamento dei dati in materia di subcontraenti, ciascuna parte può affidare a subcontraenti in tutto o in parte l’adempimento delle proprie obbligazioni ai sensi del presente Accordo senza il previo consenso scritto dell’altra parte, fermo restando che la parte che agisce in tal modo rimane pienamente responsabile per tutte le obbligazioni la cui esecuzione viene affidata a subcontraentie accetta la piena responsabilità per le azioni e/o omissioni dei suoi subcontraenti come se tali azioni e/o omissioni fossero le sue.
    • 15.4 Forza maggiore.. Nessuna delle parti sarà responsabile per il mancato o ritardato adempimento di un’obbligazione ai sensi del presente Accordo se l’inadempimento o il ritardo siano causati da circostanze al di fuori del suo ragionevole controllo.
    • 15.5 Esclusione di rinunce. Il mancato o ritardato esercizio di qualsiasi diritto o rimedio ai sensi del presente Accordo non costituirà una rinuncia a tale (o a qualsiasi altro) diritto o rimedio.
    • 15.6 Clausola salvatoria. L’invalidità, illegalità o inapplicabilità di qualsiasi clausola (o parte di essa) del presente Accordo non pregiudicherà la validità di qualsiasi altra clausola del presente Accordo.
    • 15.7 Assenza di rapporto di mandato o agenzia. Le parti e il Rivenditore (se applicabile) sono contraenti indipendenti e il presente Accordo non crea un’agenzia, partnership o joint-venture tra il Cliente o Google o il Rivenditore di (indipendentemente dall’uso del termine “partner”, “certificato” o altra designazione simile).
    • 15.8 Assenza di terzi beneficiari.. Fatto salvo quanto espressamente diversamente indicato, nulla di quanto contenuto nel presente Accordo creerà o conferirà alcun diritto o altro beneficio a favore di qualsiasi soggetto diverso dalle parti del presente Accordo.
    • 15.9 Legge applicabile. Il presente Accordo è soggetto al diritto inglese e le parti accettano la giurisdizione esclusiva dei tribunali inglesi in relazione a qualsiasi controversia (contrattuale o non-contrattuale) riguardante il presente Accordo, salvo il diritto di ciascuna parte di rivolgersi a qualsivoglia tribunale per richiedere un provvedimento cautelare, ingiuntivo o altro rimedio per proteggere i propri Diritti di proprietà intellettuale. Se il presente Accordo è tradotto in qualsiasi altra lingua, in caso di conflitto il testo inglese prevarrà.
    • 15.10 Modifiche. Qualsiasi modifica deve essere effettuata in forma scritta, deve indicare espressamente che si tratta di una modifica al presente Accordo e deve essere sottoscritta da entrambe le parti.
    • 15.11 Intero accordo.. Fatta salva la sezione 13.1(b), il presente Accordo, che include i Moduli di ordine, l’Emendamento sul trattamento dei dati, i Termini URL e tutti gli altri termini quivi incorporati, stabilisce tutti i termini convenuti tra le parti e sostituisce tutti gli altri accordi tra le parti relativamente al suo oggetto. Al momento di sottoscrivere il presente Accordo, nessuna delle parti ha fatto affidamento su, né avrà alcun diritto o rimedio basati su, alcuna affermazione, dichiarazione o garanzia (anche se effettuata per negligenza o in buona fede), ad eccezione di quelle espressamente previste nel presente Accordo.
    • 15.12 Interpretazione di termini in conflitto. In caso di conflitto tra il presente Accordo e i termini situati in qualsiasi URL, il presente Accordo prevarrà.
    • 15.13 Copie. Le parti possono perfezionare il presente Accordo in più copie, inclusi facsimile, file PDF e altre copie elettroniche che congiuntamente costituiranno un unico accordo.
    • 15.14 Conservazione di efficacia. Le seguenti sezioni rimarranno in vigore al termine o risoluzione del presente Accordo: Sezioni 4, 7, 8.1, 9.2, 11.6, 12, 13, 15 e 16. L’Emendamento sul trattamento dei dati rimarrà efficace al termine o risoluzione del presente Accordo come indicato nell’Emendamento sul trattamento dei dati.
  • 16. Definizioni.
    • 16.1 Al presente Accordo si applicano le seguenti definizioni salvo dove espressamente disposto altrimenti:
    • "Policy sull’uso accettabile" indica la politica sull’uso accettabile dei Servizi disponibile all’indirizzo https://gsuite.google.com/intl/it/terms/use_policy.html o ad altro URL come fornito da Google.
    • "Account Manager" indica la persona incaricata da Google per lavorare con il Cliente riguardo all’ordine del Cliente per i Servizi.
    • "Account di amministrazione" indica l’account o gli account amministrativi forniti al cliente da Google allo scopo di amministrare gli Account degli Utenti finali. L’uso dell’Account amministratore richiede una password che verrà fornita al Cliente da Google.
    • "Console di amministrazione" indica lo strumento on-line fornito da Google al Cliente per la generazione di rapporti e per altre funzioni amministrative.
    • "Strumenti di amministrazione" indica gli strumenti online o API, o entrambi, forniti da Google al Cliente per essere utilizzati dal Cliente in connessione con la sua amministrazione dei Servizi per gli Utenti finali, ciò che può includere, fra le altre cose, la gestione dell’account e l’applicazione delle policy di utilizzo del Cliente.
    • "Amministratori" indica il personale tecnico designato dal Cliente incaricato di amministrare i Servizi per gli Utenti finali per conto del Cliente.
    • "Annunci" indica gli annunci pubblicitari on-line mostrati da Google agli Utenti finali, esclusi gli annunci che il Cliente sceglie espressamente che siano visualizzati da Google o da qualsiasi Collegata di Google in base a qualsiasi distinto accordo (ad esempio, annunci di Google AdSense implementati dal Cliente su un sito web creato dal Cliente utilizzando la funzionalità “Google Sites” all’interno dei Servizi).
    • "Accordo" indica ogni Modulo d’ordine, il presente Accordo Google Apps for Education e qualsiasi documento a cui viene fatto riferimento nel Modulo d’ordine e nell’Accordo Google Apps for Education (inclusi i Termini URL).
    • "Data di inizio fatturazione" indica la data a partire dalla quale il Cliente inizierà a corrispondere i pagamenti a Google per i Servizi.
    • "Segno Distintivo" indica i nomi commerciali, i marchi registrati, i marchi di servizio, i loghi, i nomi di dominio e gli altri elementi distintivi del marchio come assicurati da ciascuna parte di volta in volta.
    • "Informazioni riservate" indica le informazioni divulgate da una parte all’altra ai sensi del presente Accordo che sono contrassegnate come riservate o che, per la loro natura, il loro contenuto o le circostanze in cui vengono divulgate, è ragionevole supporre che siano riservate. A scanso di equivoci, i termini e le condizioni del presente Accordo costituiscono Informazioni riservate.
    • "Dati del Cliente" indica i dati, incluse le email, forniti, generati, trasmessi o visualizzati tramite i Servizi dal Cliente o dagli Utenti finali.
    • "Nomi di dominio del Cliente" indica i nomi di dominio di proprietà o controllati dal Cliente che sono utilizzati in relazione ai Servizi. Il Cliente può fornire i Servizi a tutti i propri sottodomini (ad esempio, se il nome di dominio del Cliente è “edu.com”, un sottodominio può includere “alumni.edu.com”) senza l’approvazione scritta da parte di Google.
    • "Dati Personali del Cliente" indica i dati personali trattati da o per conto di Google ai sensi del presente Accordo.
    • "Emendamento sul trattamento dei dati" indica l’emendamento vigente al presente Accordo di Google che descrive gli obblighi di Google di protezione e trattamento dei dati in relazione ai Dati del Cliente, come disponibile al seguente link URL: https://gsuite.google.com/intl/it/terms/dpa_terms.html.L’Emendamento sul trattamento dei dati e tale collegamento URL possono essere aggiornati o modificati da Google di volta in volta in conformità alla Sezione 2.2.
    • "Emergenza Sicurezza" può indicare: (a) l’utilizzo dei Servizi da parte del Cliente o dell’Utente finale in violazione della Policy sull’uso accettabile, suscettibile di interrompere: (i) i Servizi; (ii) l’utilizzo dei Servizi da parte di altri Utenti finali o clienti; o (iii) la rete o i server di Google utilizzati per fornire i Servizi; o (b) l’accesso non autorizzato di terzi ai Servizi.
    • "Utenti finali" indica le persone a cui il Cliente consente di utilizzare i Servizi.
    • "Account dell’Utente finale" indica un account ospitato da Google fornito agli Utenti finali tramite i Servizi allo scopo di consentire a tali Utenti finali di utilizzare i Servizi.
    • "Leggi in materia di controllo delle esportazioni" ndica le leggi e normative applicabili relative al controllo delle esportazioni e delle riesportazioni, incluse: (i) le sanzioni di carattere economico e commerciale adottate dall’Office of Foreign Assets Control del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti e (ii) la regolamentazione sul traffico internazionale di armi (International Traffic in Arms Regulations, “ITAR”) adottata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ma esclusa la Regolamentazione in materia di esportazioni (Export Administration Regulations (“EAR”) del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.
    • "Tariffe" ha il significato specificato nella Sezione 4.1.
    • "Informativa sulla privacy di Google" indica la politica sulla privacy disponibile sul sito https://www.google.com/privacypolicy.html, come tale politica o URL possono essere aggiornati di volta in volta da Google.
    • "Società del Gruppo" indica in relazione a qualsiasi delle parti: (a) qualsiasi società capogruppo di tale parte; e (b) qualsiasi persona giuridica di cui tale parte detiene direttamente o indirettamente il controllo o che è direttamente o indirettamente controllata dalla stessa persona o gruppo di persone di tale parte.
    • "Centro assistenza" indica il centro di assistenza di Google disponibile all’indirizzo https://www.google.com/support/, o altro URL che Google possa fornire.
    • "Attività ad alto rischio" indica utilizzi quali la gestione di impianti nucleari, il controllo del traffico aereo o i sistemi di supporto vitale, in relazione ai quali l’utilizzo o il malfunzionamento dei Servizi potrebbe causare morte, lesioni personali o danni ambientali.
    • "Periodo di validità iniziale dei Servizi" indica il periodo di validità dei Servizi pertinenti decorrente dalla Data di inizio dei Servizi e che prosegue per l’”Attuale periodo di validità dei Servizi” indicato nel Modulo d’ordine dalla Data d’inizio della fatturazione (se un Modulo d’ordine si applica ai Servizi) o, se nessun Modulo d’ordine si applica ai Servizi, per il periodo di validità che inizia alla Data di efficacia e prosegue fino a risoluzione.
    • "Addebito per il periodo iniziale" indica l’addebito per i Servizi per la Durata iniziale dei Servizi (esclusi tutti gli addebiti una tantum applicabili), come indicato nel Modulo d’ordine.
    • "Istruzioni" indica le istruzioni scritte del Cliente specificate nel presente Accordo (come modificate o sostituite) e qualsiasi eventuale successiva istruzione scritta fornita dal Cliente a Google e riconosciuta da Google.
    • "Diritti di proprietà intellettuale" indicano tutti i diritti d’autore, i diritti morali, i diritti di brevetto, i marchi commerciali, diritti relativi al design, diritti sulle banche dati o ad esse relativi, i diritti sulle informazioni riservate o ad essi relativi, i diritti in relazione ai nomi di dominio o a tutti gli altri diritti di proprietà intellettuale (registrati o non registrati) in tutto il mondo.
    • "Procedimento legale" indica una richiesta di divulgazione dei dati effettuata ai sensi di legge, di un regolamento governativo, di un’ordinanza, un mandato o un provvedimento del tribunale, una richiesta di autorità di vigilanza o di un’agenzia governativa o altra autorità legalmente competente, un procedimento legale o un analogo procedimento.
    • "Subappaltatore principale" indica i fornitori terzi incaricati da Google (diversi da una Società del Gruppo Google) di fornire Servizi di Supporto Tecnico al Cliente. Un elenco di Subappaltatori principali è disponibile al seguente indirizzo: https://gsuite.google.com/terms/subprocessors.html .
    • "Prodotti diversi dai Prodotti G Suite" indicano i prodotti Google che non fanno parte dei Servizi ma a cui gli Utenti finali possono accedere utilizzando i loro login e password dell’Account dell’Utente finale. I Prodotti diversi dai Prodotti G Suite sono indicati al seguente URL: https://support.google.com/a/answer/181865?hl=it o altro URL che Google possa fornire.
    • "Termini dei prodotti diversi dai Prodotti G Suite" d indica i termini reperibili al seguente URL: https://gsuite.google.com/intl/it/terms/additional_services.html o ad altro URL che Google possa fornire di volta in volta.
    • "Indirizzo email per le notifiche" indica l’indirizzo email designato dal Cliente per ricevere notifiche email da Google. Il Cliente può modificare questo indirizzo di posta elettronica tramite la Console di amministratore.
    • "Rivenditore indica, se applicabile, il rivenditore autorizzato che vende o fornisce i Servizi al Cliente in conformità al presente Accordo.
    • "Accordo con Rivenditore" indica l’accordo separato tra il Cliente e il Rivenditore per quanto riguarda i Servizi. L’Accordo con Rivenditore è indipendente da e al di fuori dell’ambito del presente Accordo.
    • "Servizi" indica i Servizi G Suite for Education forniti da Google e utilizzati dal Cliente ai sensi del presente Accordo. I Servizi sono descritti al seguente indirizzo:https://gsuite.google.com/intl/it/terms/user_features.html, o in altro URL che Google possa fornire.
    • "Data di inizio dei Servizi" indica la data in cui Google rende disponibili i Servizi al Cliente.
    • "Pagine dei Servizi" indica le pagine web che mostrano i Servizi agli Utenti finali.
    • "Periodo di validità dei Servizi" indica il Periodo di validità iniziale dei Servizi o il Termine di rinnovo pertinente come applicabile.
    • "Riduzione funzionale rilevante" indica l’interruzione o la realizzazione di modifiche retro-incompatibili ai Servizi che hanno come risultato che Google non fornisce più alla sua base di clienti aziendali la possibilità di: (1) inviare e ricevere messaggi di posta elettronica; (2) pianificare e gestire eventi; (3) creare, condividere, archiviare e sincronizzare file; (4) comunicare con altri utenti finali in tempo reale; o (5) cercare, archiviare ed esportare messaggi di posta elettronica.
    • "SLA" indica l’accordo sul livello dei servizi disponibile all’indirizzo:https://gsuite.google.com/intl/it/terms/sla.html, o altro URL che Google possa fornire.
    • "Subappaltatore" indica le Società del Gruppo, i Subappaltatori principali e i terzi.
    • "Sospensione" indica l’immediata disattivazione dell’accesso ai Servizi o a componenti dei Servizi, come applicabile, per impedire l’ulteriore utilizzo dei Servizi.
    • "Imposte" indica tutte le tasse, incluse le tasse sulle vendite, sull’uso, sulla proprietà personale, sul valore aggiunto, accise, tasse doganali, dazi all’importazione o imposte di bollo o altre tasse e dazi imposti da qualsiasi agenzia governativa in relazione a tutte le transazioni inerenti al presente Accordo, comprese le penali e gli interessi, ma escludendo specificamente le imposte sul reddito netto di Google.
    • "Linee guida sui marchi commerciali." dndica le Linee guida per l’uso da parte di terzi delle caratteristiche del marchio Google, disponibili al seguente URL: https://www.google.com/permissions/guidelines.html, o altro URL che Google può fornire.
    • "Servizi di assistenza tecnica" indica i servizi di assistenza tecnica forniti da Google agli Amministratori nel corso del Periodo di validità in conformità alle Linee guida per i servizi di supporto tecnico.
    • "Linee guida per i servizi di assistenza tecnica" indica le linee guida per i servizi di assistenza tecnica vigenti per i Servizi. Le Linee guida per i servizi di assistenza tecnica sono disponibili al seguente URL: https://gsuite.google.com/intl/it/terms/tssg.html o altro URL che Google possa fornire.
    • "Termini URL" indica i termini situati in qualsiasi URL cui viene fatto riferimento nel presente Accordo, ma escludendo l’Informativa sulla privacy di Google.
    • 16.2 Nel presente Accordo, i termini “include” e “includono” non limiteranno la generalità di tutte le parole che li precedono.